NutriMind

Sentirti vivo: il momento migliore è ora

Sentirti vivo: il momento migliore è ora

Sentirti vivo: il momento migliore è ora

Finché sei vivo, sentiti vivo

Non aspettare di finire l’università,

di innamorarti,

di trovare lavoro,

di sposarti,

di avere figli,

di vederli sistemati,

di perdere quei dieci chili,

che arrivi il venerdì sera o la domenica mattina,

la primavera,

l’estate,

l’autunno o l’inverno.

Non c’è momento migliore di questo per essere felice.

La felicità è un percorso, non una destinazione.

Lavora come se non avessi bisogno di denaro,

ama come se non ti avessero mai ferito

e balla, come se non ti vedesse nessuno.

Ricordati che la pelle avvizzisce,

i capelli diventano bianchi e i giorni diventano anni.

Ma l’importante non cambia:

la tua forza e la tua convinzione non hanno età.

Il tuo spirito è il piumino che tira via qualsiasi ragnatela.

Dietro ogni traguardo c’è una nuova partenza.

Dietro ogni risultato c’è un’altra sfida.

Finché sei vivo, sentiti vivo.

Vai avanti, anche quando tutti si aspettano che lasci perdere.

(Madre Teresa di Calcutta)

 

sentirti vivo coaching

Devo essere del tutto sincera. Sono almeno 10 minuti che piango (Ok, va bene. Un pochino di più mi avete beccato). Ed ora sono qui, e sto cercando di dare voce a queste lacrime. Non sono lacrime di tristezza, ma neanche di gioia. Sono lacrime di consapevolezza, con una spruzzatina di malinconia e qualche goccia di nostalgia d’amore. Sembra una buona ricetta per un dolce.

Lo chiamerò “dolce sentire”.

Va bene ora la smetto di fare la simpaticona, che forse neanche mi riesce bene. È che quando dobbiamo far parlare il cuore troviamo mille scuse e sotterfugi per evitarlo.

Perché? Di cosa abbiamo paura?

Forse abbiamo paura di mostrarci fragili, abbiamo paura che gli altri vedano chi siamo realmente. Così aspettiamo. Aspettiamo chissà cosa per mostrarci “nudi” davanti agli altri, aspettiamo chissà cosa per essere felici, per vivere davvero. Come se la vita aspettasse noi.

Il vero segreto è non aspettare niente.

Finché sei vivo, sentiti vivo.

Come si fa a commentare questa frase? Oggi io sono viva ma non mi sento viva per niente.

E perché?

Perché non sono qui, non sto vivendo ora la mia vita.

La mia mente viaggia impazzita fra passato e futuro senza passare neanche un secondo dal presente. Che è l’unica cosa che abbiamo davvero.

Sono un Coach, ma sono anche e soprattutto una persona. Amo mostrarmi per quella che sono realmente, amo essere autentica. E oggi che sono autenticamente smarrita, queste parole che ho letto per caso in un vecchio quaderno mi hanno colpita dritta al cuore. Cosa diavolo aspettiamo per vivere? Di cosa abbiamo bisogno? Non ci basta un cuore che batte, no. Noi vogliamo di più.

 

Vogliamo sempre di più.

 

“Sarò davvero felice solo quando…”. Quante volte ci siamo detti questa frase? Non diciamo mai “oggi sono felice perché…”. Aspettiamo sempre qualcosa di più, qualcosa che secondo noi ci renderà felici. Ma poi il più delle volte capita che quando quella cosa arriva, ecco che non siamo felici per niente e subito ne troviamo un’altra da raggiungere.

Non c’è momento migliore di questo per essere felice e se non riesci ad esserlo è sicuramente perché sei ovunque tranne che qui.

Io personalmente non voglio più essere sulla strada dell’“attesa”. Non voglio aspettare niente. Voglio essere felice ora, con quello che ho. E non è facile perché significa rinunciare anche un po’ a sognare.

Bisogna stare sempre molto attenti a non confondere un sogno da un’illusione. Rincorrili sempre i tuoi sogni, ma abbi il coraggio di lasciarli andare se necessario. Fa male, lo so. Ma a volte è più coraggioso rinunciare ad un sogno che continuare a rincorrerlo. La cosa più importante è che tu ci abbia provato davvero.

Provaci.

Non importa se quel sogno lo realizzerai o no, la cosa davvero importante è che tu ci abbia provato con tutto te stesso. Solo così saprai che se quel sogno non si è realizzato forse non era il sogno adatto a te.

Ho deciso di scrivere quest’articolo sull’onda della confusione. Non ho aspettato che passasse, ho deciso di accettare il momento e dargli voce. Quindi so benissimo che è un articolo confuso e forse apparentemente senza una logica. Ma la vita non è sempre logica. Non è una linea retta senza curve ed incroci. La vita, come l’amore, ti travolge. E io ho deciso di lasciarmi travolgere. Perché ho deciso di viverla davvero questa vita.

 

E tu, stai vivendo davvero?  

Con affetto, Bruna.

P.S. Per la ricetta del “dolce sentire” puoi andare sul sito www.ascoltatestesso.com 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Cookie Policy

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi